Pane integrale al sesamo

Il tempo incerto e i nubifragi dei giorni scorsi hanno portato con sé almeno una cosa “utile”: accendere il forno non è mission impossible! E a questo punto urge una confessione: ogni volta che leggo sui blog ricette che prevedono il lievito madre…avverto fortissimo un senso di sconfitta. Da quando non ce l’ho più (o meglio: da quando l’ho mandato “in vacanza”…) mi spiace non avere più l’appuntamento fisso con la pizza della domenica (qui la ricetta semplice, furba e veloce che usavo…) e con tutti i miei esperimenti con le mani in pasta. Per contrastare la nostalgia preparo ogni tanto questa pagnotta integrale con il lievito di birra: è davvero un ottimo compromesso. È buona a tavola, con salumi e formaggi o un buon sughetto da raccogliere, ma è a colazione, con un velo di marmellata, che si esalta al massimo. Oltretutto, resiste fragrante e morbida per diversi giorni. Ho utilizzato la farina Petra 9 di Molino Quaglia, macinata a pietra, che rende il pane rustico e saporito e ha un forte profumo di grano (è una farina di grano tenero che conserva un elevato contenuto di fibre alimentari). Infatti, si chiama proprio “conTuttoilGrano”: in sostanza è il risultato di un processo di recupero di tutte le componenti del chicco, che in un normale processo di macinazione verrebbero scartate o andrebbero perse. Buona settimana a tutti!

Pane integrale al sesamo

Ingredienti per il lievitino:

150 g di farina Petra 1
5 g di lievito di birra
100 g di acqua tiepida
850 g di farina Petra 9
20 g di lievito di birra
malto di riso
olio extra vergine di oliva
4 cucchiai di semi di sesamo
sale

Preparare il lievitino: impastare in una ciotolina la farina, il lievito sbriciolato e l’acqua. Si otterrà un impasto morbido, lasciarlo riposare per 3 ore in una ciotola coperta con della pellicola trasparente.
Mettere nella planetaria la farina Petra 9, il lievitino, 1 cucchiaio di malto di riso, 20 g di lievito di birra sbriciolato, 2 cucchiai di olio, i semi di sesamo, mezzo litro di acqua tiepida. Far andare alla velocità minima con il gancio per impastare. Dopo circa un minuto mettere 1 cucchiaino scarso di sale. Lavorare per 4 minuti a velocità minima. L’impasto deve essere morbido e quando è liscio toglierlo dalla macchina, metterlo sulla spianatoia e compattarlo un po’ lavorandolo con le mani. Mettere l’impasto in una ciotola, fare un taglio a croce, coprire con uno strofinaccio bagnato e lasciar lievitare per 4/5 ore. Deve raddoppiare il volume. Quando è pronto lo si sgonfia lavorandolo ancora sulla spianatoia, si divide a metà, si mette sulla leccarda del forno coperta di carta forno, si fanno due tagli paralleli n superficie, si copre con una tovaglia e si fa lievitare per altri 45 minuti circa. Accendere il forno al massimo, mettere una ciotolina di coccio con un po’ d’acqua sul fondo del forno, mettere la placca a metà altezza e cuocere il pane per 25 minuti al massimo del calore, poi si gira il pane e si abbassa il forno a 170° per altri 20 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare su una griglia.

3 Comments
  1. Un periodo ho provato ad usare il lievito madre, però ho capito che non fa per me:( nel senso che non riesco davvero a star dietro ai rinfreschi anche se il pane che si ottiene è ottimo!
    Il risultato è splendido anche con il lievito di birra e poi che buono il pane con i semi di sesamo!!! Un abbraccio

Leave a Reply

Your email address will not be published.