Crostata di grano saraceno ai lamponi

In queste giornate dovremmo pensare solo a ricette detox e invece… e invece certi pomeriggi in casa invogliano a impastare e ad accendere il forno. Giocando un po’ con gli ingredienti, e ispirandoci ai dolci dell’Alto Adige, nel nostro libro “Le farine dimenticate” (Gribaudo/Feltrinelli) abbiamo realizzato una pasta frolla con la farina di grano saraceno farcita poi con marmellata di lamponi: un risultato più che soddisfacente! Questa Crostata di grano saraceno ai lamponi è  deliziosa, da servire sia come dessert ma anche al mattino a colazione, magari prima di una sciata o di una camminata in montagna tra la neve…

Crostata di grano saraceno ai lamponi

Ingredienti

Per la pasta frolla:

2 tuorli
100 g di burro
120 g di farina di grano saraceno

80 g di farina di grani antichi della provincia di Parma (farina tipo1)
90 g di zucchero
sale

per la farcitura:

250 g di confettura di lamponi

5/6 biscotti secchi

Lavorate insieme tutti gli ingredienti per la frolla e compattateli velocemente fino a formare una palla. Potete utilizzare anche il mixer: l’importante è che il burro sia freddo e tagliato a cubetti con un coltello. Avvolgete la pasta frolla con pellicola trasparente per alimenti e mettetela in frigorifero per un’ora.

Accendete il forno e portate la temperatura a 200°C (statico).

Stendete la pasta con il matterello, tra due fogli di carta da forno, fino a uno spessore di qualche millimetro (5 mm circa) e rivestite uno stampo da crostata di 20 cm di diametro (se usate uno stampo tradizionale dovete imburrare la teglia o usare la carta forno, se lo scegliete in silicone non sarà necessario). Con una forchetta, praticate dei fori su tutta la frolla dopodiché rivestite la superficie della crostata con i biscotti sbriciolati e poi con la confettura di lamponi. Ricavate dai ritagli di pasta frolla delle strisce con le quali decorare il dolce.

Cuocete la crostata appoggiando lo stampo direttamente sulla leccarda (che deve essere calda), dopo 5 minuti abbassate la temperatura a 180°C e proseguite la cottura per altri 30 minuti, controllando che il bordo diventi colorato. Una volta tolta dal forno, fate raffreddare la crostata per bene prima di sformarla.

 

No Comments Yet

Comments are closed