La cantina Rovellotti a Ghemme

Amo te, vite, che tra bruni sassi pampinea ridi, ed a me pia maturi il sapïente de la vita oblio” scriveva Giosuè Carducci. Siamo in Piemonte, terra di alcuni tra i più grandi vini italiani. Ci troviamo per la precisione a Ghemme, provincia di Novara, quindi ben più a nord di una delle più note zona vitivinicola d’Italia, le Langhe. La citazione non è casuale, visto che quando si parla di Nebbiolo, il pensiero corre immediatamente ai grandi Baroli e Barbareschi che hanno origine in quello straordinario territorio. Ma il Nebbiolo, in Piemonte, ha trovato altre zone ideali di coltivazione: le colline tra Novara e Vercelli dove si producono alcune doc e docg a base di Nebbiolo, appunto, e di altri vitigni come Barbera, Croatina, Uva Rara, Vespolina ed Erbaluce.

Oggi vogliamo parlarvi della cantina Rovellotti dei fratelli Antonello e Paolo Rovellotti, viticoltori dal 1970. La loro azienda ha sede nel ricetto di Ghemme, un edificio fortificato che fu costruito tra il XI e il XV secolo su iniziativa della popolazione per fronteggiare incursioni e saccheggi. Oggi la struttura appare ancora ben conservata, nonostante non siano più visibili l’originario fossato, colmato nel XIX secolo, e il ponte levatoio. Si possono invece ancora apprezzare le mura di cinta perimetrali alte circa quattro metri, e gli edifici all’interno delle mura formati da due piani e da un ambiente sottotetto. Qui in queste secolari mura hanno trovato sede le cantine dei fratelli Rovellotti impegnati in un ammirevole sforzo di conservazione di questo patrimonio culturale e artistico.

In cantina ci accoglie Antonello Rovellotti, intento a etichettare alcune bottiglie di Ghemme dirette oltreoceano. Difficile non notare le etichette che oltre alla denominazione hanno disegni di ispirazione astratta (ci ricordano Kandinsky…): sono le opere di un artista siciliano al quale il padre di Antonello e Paolo commissionò la realizzazione e rappresentano l’ispirazione e le suggestioni dell’artista legati a ognuno dei vini che l’azienda produce.

A oggi la produzione della casa vinicola Rovellotti comprende alcune doc Colline novaresi con vini realizzati in purezza di vitigno, ossia il Nebbiolo nella denominazione Valplazza e la Vespolina con la doc Ronco al Maso, e un assemblaggio di vitigni tipici (Nebbiolo, Vespolina e Bonarda) con l’etichetta Morenico. Nei terreni dell’azienda si coltiva inoltre Erbaluce con cui si realizza una doc Colline novaresi bianco e un Metodo classico, la cui denominazione “Innominabile” scimmiotta l’esclusiva riservata ai produttori torinesi di Caluso: solo questi ultimi possono riportare in etichetta dei propri vini con la denominazione “Erbaluce”. Produce infine la docg Ghemme “Chioso dei Pomi” e la Ghemme riserva “Costa del Salmino”.

Ci spostiamo in sala degustazione, concentrandoci sui rossi con gli assaggi dei due monovitigni, Vespolina e Nebbiolo, per finire con un Ghemme, esattamente in questa progressione. La Vespolina Ronco al Maso ha un profumo chi richiama frutti rossi ma soprattutto sorprende la degustazione per acidità e tannini pronunciati nonché per le note spiccatamente pepate. Un carattere deciso che si fa apprezzare soprattutto in abbinamento a carni di maiale lavorate, come zampone e cotechino. Con il Valplazza cambiamo decisamente registro, è un Nebbiolo affinato solo in acciaio conservando il carattere dell’uvaggio e del terroir: i profumi si fanno più fioriti e al palato è molto elegante, non eccede né in tannino né in potenza. Un Nebbiolo che si abbina facilmente a tutto pasto. Con il Chioso dei Pomi i due vitigni provati in purezza si uniscono in proporzione di 85% nebbiolo e 15% vespolina, per origine a un Ghemme DOCG, che affina in botti di rovere per 36 mesi seguiti da 9 mesi in bottiglia. I profumi si fanno più complessi con viola e bacche nere confermati nella degustazione. Buona la persistenza in bocca. Lascia presagire un miglioramento col tempo. (Omar Locatelli)

Cantina Rovellotti

Via Interno Castello 22
28074 Ghemme (NO)

Tel. 0163 841781 info@rovellotti.it

Lunedì – sabato 09 | 18  Domenica 09 | 12

Nota: la foto di apertura è tratta dal sito Internet dell’azienda, www.rovellotti.it 

No Comments Yet

Comments are closed