Torna Taste of Milano!

taste 1 ok

Chi ci segue sa bene che “testare” nuovi piatti (o nuovi chef) è uno dei nostri passatempi preferiti. Quando al Parco Sempione venne organizzata la prima edizione di Taste of Milano, eravamo felici come bambine al luna park: era il 2010, avevamo sentito parlare dell’edizione londinese e l’idea di poter provare in un colpo solo piatti diversi creati da chef “stellari” ci riempiva di gioia. E pazienza se ci siamo ritrovate sotto il diluvio universale, bagnate e infangate fino ai capelli, a destreggiarci tra ombrelli, bicchieri, piattini, posate, borsa, taccuino… Sì, il fuggi fuggi generale ci ha fatto almeno risparmiare le code interminabili che hanno caratterizzato quella prima edizione di “rodaggio” e ricordiamo ancora oggi l’ottima l’Insalata liquida di Berton, lo Stecco di riso giallo con ossobuco di Sadler, i Ravioli di Patate arrosto ripieni di grana padano di Andrea Provenzani (gustati poi anche al suo ristorante, “Il liberty Milano” di viale Monte Grappa 6). Ora il panorama del food, in generale, è cambiato e anche la formula di Taste è stata via via modificata. In pieno Expo Milano 2015, eccoci dunque a una nuova edizione di Taste of Milano, in programma dal 3 al 7 giugno presso il Superstudio Più di via Tortona (MM Porta Genova). Tante le novità. Una su tutte? Per la prima volta l’ingresso è gratuito, basta semplicemente registrarsi sul sito www.tasteofmilano.it (l’accesso è comunque a numero chiuso e limitato). Tantissimi gli appuntamenti, gli showcooking, i corsi di cucina e le degustazioni da tutto il mondo. 50 chef per 50 ristoranti (e di altissimo livello): milanesi, italiani, internazionali. Il menu “globale” si compone di circa 200 piatti: ciascuno chef proporrà 4 piatti di cui uno dedicato proprio a Expo 2015.

tasteofmilano_send

Chi ci sarà? Una ventina gli chef “milanesi”: da Andrea Aprea del Vun ad Andrea Provenzani del ristorante Il Liberty, da Matteo Fronduti (Manna) a Matteo Torretta (Asola). Ci saranno anche Marco Ambrosino del 28 Posti (nostra recente “scoperta”), Roberto Conti del Trussardi alla Scala e Nicola Cavallaro di Un Posto a Milano. Poi, tra gli altri, Fulvio Siccardi (Da Noi IN), Alice Delcourt (Erba Brusca), Andrea Alfieri (Il Chiostro di Andrea), poi Francesco Germani (La Maniera di Carlo) e Wicky Priyan, Okabe, Boer, Cracco & Pollini, Sergio Mei, Tano Simonato, Tokuyoshi. Ci saranno poi molto chef appartenenti ai JRE, i Jeunes Restaurateurs d’Europe, come Davide Botta, Marcello Leoni, Christian Milone, Ilario Vinciguerra, Giuseppe Iannotti, Cristiano Tomei de L’Imbuto di Lucca, Enrico Bartolini del Devero. Sul fronte internazionale, ci sarà lo chef Jérémy Galvan, dell’omonimo ristorante di Lione oltre a Barry Vera e Adriano Venturini del STK di New York City (che ha aperto di recente un ristorante con rooftop bar anche a Milano in piazza della Repubblica).

taste 2

#amilanosimangiabene #Expo2015

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.